N.01
Gennaio/Febbraio 2020

Formazione e/è vocazione

Ogni formazione è vocazionale

Vorrei provare a chiedermi se quanto affermato in Christus vivit 254, che cioè "ogni formazione è vocazionale", può valere veramente per tutti, in ogni stato di fede (credenti e non credenti), in ogni stato di vita e lavoro (genitori, educatori, insegnanti, catechisti, presbiteri, ecc); in ogni stato di età e salute (bambini, giovani, vecchi, persone sane e disabili). Inizio dai termini. L’etimologia ha sempre qualcosa da insegnarci, pur nella sua incertezza. Formazione, dal latino forma, pare rimandare da un lato al greco phòrein/phorà (il ‘portare’, il ‘portamento’), dall’altro lato ad una antica radice sanscrita DHAR (tenere/sostenere), da cui deriverebbe anche il latino firmus (fermo). La forma non è solo l’involucro evanescente di una materia che sarebbe la vera cosa essenziale. È invece l’autentica sostanza. È ciò che ‘tiene’ insieme e ‘sostiene’ ciò che sono. In/forme è la terra del libro della Genesi – deserta e tenebrosa, e solo abisso –…

per leggere l’articolo completo e accedere ai contenuti aggiuntivi effettua il login o registrati