N.05
Settembre/Ottobre 2021

Da una periferia all’altra

Montespaccato, periferia romana, è una zona in crescente espansione edilizia. Una sola parrocchia era insufficiente ai bisogni di una popolazione in costante aumento. Urgeva formare una nuova comunità, nella zona più decentrata dell’esteso quartiere che tange il Grande Raccordo Anulare, e confina con la Bastoggi: un disordinato agglomerato di case, addossate l’una all’altra, costruite in economia, come le strade del resto, poche e senza sbocchi laterali, lunghe quanto un enorme ferro di cavallo, da cui si dipanano viuzze in discese ripide, nate senza nessun piano regolatore. La “borgata Focaccia”, proprietà dell’omonimo conte piemontese, cominciò ad essere abitata nel secondo dopoguerra. Vi giunsero immigrati dal meridione e dal centro Italia, in cerca di lavoro. Le prime abitazioni sorsero sporadiche, in mezzo alla campagna. Le strade di terra battuta e la mancanza di qualunque servizio ne fecero un luogo inospitale e ostile. Oggi è un quartiere dormitorio, abitato da lavoratori e precari.…

Per accedere al contributo devi registrarti. La registrazione è gratuita.
Registrati ora
o accedi se sei già registrato