N.04
Luglio/Agosto 2019

Una strada per scegliere insieme

ovvero il discernimento comunitario

Oggi, riecheggia in tanti luoghi, dentro la comunità cristiana e fuori ed è la parola discernimento. Papa Francesco sollecita spesso su questo tema ed è proprio lui a specificare che il discernimento deve essere inteso non come una moda o come uno slogan, ma piuttosto come un atteggiamento interiore che si radica in un atto di fede: Dio è all’opera nella storia, nei fatti, nelle persone e desidera comunicare la sua volontà perché tutti gli uomini abbiano la pienezza della vita. Per questo, discernere è prima di tutto un mettersi in ascolto dello Spirito così da giungere a compiere delle scelte. Eppure, in questo tempo storico segnato dalla precarietà, scegliere, decidersi sembra un fatto troppo arbitrario, troppo umano e, quindi, per questo, troppo fragile. Ma la prospettiva cambia se si considera il discernimento come un’arte in cui umano e divino si intrecciano. Allora, se per il cammino di fede, il…

per leggere l’articolo completo e accedere ai contenuti aggiuntivi effettua il login o registrati