N.06
Novembre/Dicembre 2021

Le lacrime, secondo battesimo 

Un testo di Teofane il Recluso 

Nella spiritualità orientale, ma direi cristiana in generale, le lacrime hanno un luogo assai importante. Un grande studioso gesuita che ha fatto conoscere per primo i grandi tesori della spiritualità orientale al mondo accademico e degli studiosi, I. Hausherr SJ (1891-1978) scrisse, tra molte altre, un'opera dedicata proprio alle lacrime nei Padri: Penthos. La dottrina della compunzione nell'Oriente cristiano. Tra i vari motivi che illustrano l'importanza delle lacrime vi è certamente il fatto che esse sono il segno tangibile del pentimento. Padre Hausherr mostra come vi siano essenzialmente due tipi di lacrime di cui parlano i Padri: vi sono le lacrime "non buone", quelle di un pianto che porta alla disperazione, quelle che indicano sì il dolore di un peccato commesso, ma che chiudono la persona dentro un pericoloso circolo chiuso di rimorso, in quanto sono più dolore per "non essere stati irreprensibili" che per il vero senso del peccato.…

Per accedere al contributo devi registrarti. La registrazione è gratuita.
Registrati ora
o accedi se sei già registrato