N.02
2019 Marzo/Aprile

Annunciazione di Maria

Quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la Legge, per riscattare quelli che erano sotto la Legge, perché ricevessimo l’adozione a figli. (Rm 4, 4-5)   Il fluire della sabbia nella clessidra alle spalle della Vergine dice che il tempo è ormai giunto alla sua consumazione e lascia il posto all’opera inedita di un Dio che sceglie di farsi uomo. Il dipinto di Lorenzo Lotto, realizzato tra la seconda e la terza decade del XVI secolo per la Confraternita dei Mercanti, ora collocato nel Museo Civico di Recanati, riproduce un tema classico della vocazione cristiana: quell’annunciazione alla Beata Vergine Maria che il tratto lottesco elabora in forma originale rispetto al contesto marchigiano, segnato dalla presenza della casa di Maria a Loreto, reliquia e icona del mistero dell’Incarnazione, appena pochi chilometri da Recanati. Il dipinto, ricco di simbolismo, mostra Maria, giovane donna…

per leggere l’articolo completo e accedere ai contenuti aggiuntivi effettua il login o registrati