N.01
Gennaio/Febbraio 2020

Prossimità e risposta

Ogni pastorale è vocazionale

Da molti anni la riflessione ecclesiale ha sostanziato l’evidenza che tutta la pastorale deve essere vocazionale, generativa, capace di accompagnare gli uomini del nostro tempo a rispondere agli inviti dello Spirito: «Ogni azione pastorale della Chiesa è orientata, per sua stessa natura, al discernimento vocazionale, in quanto il suo obiettivo ultimo è aiutare il credente a scoprire il cammino concreto per realizzare il progetto di vita al quale Dio lo chiama»[1]. Se la dimensione vocazionale attraversa tutte le stagioni della vita, non di meno la Chiesa è chiamata a una particolare sollecitudine verso l’età della giovinezza, come ricorda Papa Francesco nell’esortazione apostolica Christus vivit: «La cosa fondamentale è discernere e scoprire che ciò che vuole Gesù da ogni giovane è prima di tutto la sua amicizia» (ChV, 250). Su questa relazione personale con Cristo fiorisce il desiderio di «essere per gli altri», di partecipare ad ogni creatura la possibilità di…

per leggere l’articolo completo e accedere ai contenuti aggiuntivi effettua il login o registrati