N.02
Marzo/Aprile 2021

Sostenibilità umana e paradigma tecnocratico. Delega o alleanza?

  I. Pharmakon Ambiguità. Oggigiorno uno dei tratti distintivi del rapporto uomo-tecnica è che questa relazione si è evoluta in maniera ambivalente, scivolosa. Paradossalmente, maggiore controllo provoca l’indebolimento del controllo stesso. “Pharmakon” è un termine greco che indica la natura duplice di una sostanza potenzialmente letale o curativa. Dipende dall’uso che ne viene fatto, dal dosaggio e dalla moralità del soggetto agente, l’essere umano, al quale spettano l’onore e l’onere di orientarlo al bene vero e integro della persona, della comunità e – usufruendo del “pharmakon” come metafora per l’ambivalenza tecnologica- del Creato. Potremmo dire che l’epoca post-moderna si raffronta con l’artefatto tecnologico in maniera altrettanto duplice, attiva e passiva: talvolta si serve di esso, altre volte è dominata dai propri prodotti; alcune volte ha uomini e donne attratti dal potenziale dell’ingegno umano, altre volte gli stessi lo temono percependolo come una minaccia alla loro sopravvivenza, ai loro diritti fondamentali.…

Per accedere al contributo devi registrarti. La registrazione è gratuita.