N.02
Marzo/Aprile 2021

Guadalupe Ortiz de Landázuri

Una donna guardata da Dio

È una strana, drammatica riunione di famiglia quella che va in scena tra il 7 e l’8 settembre 1936. Un uomo trascorre con una certa serenità la notte, in un carcere di Madrid, a parlare con la moglie e due figli. Eulogia, Eduardo e Guadalupe gli fanno compagnia nelle sue ultime ore: poco dopo, lui, militare, sarebbe stato fuciliato. Sono gli anni terribili della Guerra civile spagnola. Guadalupe, che non ha ancora vent’anni, è la più giovane, ma si rivela forte: soprattutto lei incoraggia il papà e impara intanto come sia un vero uomo che muore.  Allora Guadalupe, cristiana ma non particolarmente devota, era solo una ragazza cresciuta tra la Spagna e l’Africa, rientrata da pochi anni in patria dove si era iscritta a Chimica: le piaceva, in certo senso, indagare l’infinitamente piccolo; trovare, tra le pieghe infime della realtà, la struttura sua propria. E, per farlo, non temeva le sfide, perchè all’epoca la percentuale di…

Per accedere al contributo devi registrarti. La registrazione è gratuita.