N.03
Maggio/Giugno 2022

Un annuncio silenzioso per la Chiesa, oggi

Charles de Foucauld

Il desiderio di annunciare il Vangelo è antico e sempre nuovo. Gesù ha fatto conoscere l’amore del Padre: Percorreva tutta la Galilea, […] annunciando il vangelo del Regno (Mt 4,23). I discepoli sono stati chiamati, a loro volta, a portare la Buona notizia fino ai confini della terra e Paolo ha donato tutta la sua vita per questo; apostolo per chiamata (Rm 1,1), l’annuncio è stato per lui un assillo quotidiano (2Cor 11,28) e «un programma di vita e d’azione» (EN 1). La Buona notizia, per il cristiano è un dono e un compito: «Ciascun battezzato, qualunque sia la sua funzione nella Chiesa e il grado di istruzione della sua fede, è un soggetto attivo di evangelizzazione» (EG 120). In un contesto sempre più globalizzato, un’attenta contemplazione ci permette di raccogliere tanti piccoli semi di annuncio, in appassionati testimoni. È il miracolo della vita cristiana e da qui dobbiamo ripartire,…

Questo articolo è riservato agli abbonati.
Abbonati ora
o accedi se sei già abbonato