N.04
Luglio/Agosto 2012
Studi /

Vivere in questo momento della storia senza lasciarsi paralizzare da nessuna avversità.

Si può fare... 4

Il mondo: un arcipelago con tanti centri Il mondo di oggi è un arcipelago con tanti centri. Così lo ha definito Hans Ulrich Obrist condirettore della Serpentine Gallery di Londra. È finita l’epoca nella quale tutto gravitava tra il nord e il sud dell’Europa, ma è anche finita la stagione in cui l’avanguardia si spostava da Parigi a New York. Viviamo invece in un mondo sempre più creativo ed accelerato, che, da San Paolo e Rio de Janeiro rimbalza a Los Angeles e a Chicago, ma poi spunta con più forza a Shanghai e Pechino e di qui a Seul, Tokio, Giacarta, Manila e Nuova Delhi. Eccolo, contemporaneamente, in Africa a Tangeri e Marrakech. Sfreccia di corsa a Londra, Parigi, Berlino, Torino, Milano e Roma; di qui a Lisbona, Varsavia e Praga. In questo modo non abbiamo più una sola logica ed un modo di pensare e progettare la vita…

Per accedere al contributo devi registrarti. La registrazione è gratuita.
Registrati ora
o accedi se sei già registrato