N.02
Marzo/Aprile 2018

Ago o forbici? La sapienza dell’ascolto nelle diverse tradizioni religiose

«U n re, un giorno, rese visita al grande mistico sufi Farid. Si inchinò davanti a lui e gli offrì in dono un paio di forbici di rara bellezza, tempestate di diamanti. Farid prese le forbici tra le mani, le ammirò e le restituì al visitatore dicendo: “Grazie, Sire, per questo dono prezioso: l’oggetto è magnifico, ma io non ne faccio uso. Mi dia piuttosto un ago”. “Non capisco”, disse il re. “Se voi avete bisogno di un ago, vi saranno utili anche le forbici”. “No”, spiegò Farid, “le forbici tagliano e separano. Io non voglio servirmene. Un ago, al contrario, cuce e unisce ciò che era diviso. Il mio insegnamento è fondato sull’amore, l’unione, la comunione. Mi occorre un ago per restaurare l’unità e non le forbici per tagliare e dividere”» (J. Vernette, Parabole d’Oriente e d’Occidente, ed. Droguet et Ardant). Coordinato da don Cristiano Bettega, direttore dell’Ufficio CEI…

Per accedere al contributo devi registrarti. La registrazione è gratuita.