N.03
Maggio/Giugno 2019

L’angelo ai pastori

Una chiamata per chiamare

L’angelo e i pastori: una chiamata per chiamare Guercino, Annuncio ai pastori, lunetta della cupola della cattedrale di Piacenza, 1627   C'erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all'aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, ma l'angelo disse loro: "Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia”. (Lc 2,8-12) Varcando la soglia della cattedrale di Piacenza e avanzando lentamente, l’intradosso della cupola svela allo sguardo meravigliato dello spettatore otto lunette, dipinte tra il 1626 e il 1627 dal celeberrimo pittore emiliano Giovanni Francesco Barbieri detto - per il suo strabismo…

per leggere l’articolo completo e accedere ai contenuti aggiuntivi effettua il login o registrati