N.03
Maggio/Giugno 2019

Sulla soglia dell’altro

L'incontro con l'umanità ferita

Capita a tante persone, per lavoro o scelta o condizione di vita, di trovarsi a stare vicino a persone che sono fragili, malate, sofferenti, che hanno bisogno di assistenza anche nelle più normali attività quotidiane. Come ci ha ricordato Papa Francesco nel messaggio per la 23aGiornata Mondiale del Malato: «Questo servizio, specialmente quando si prolunga nel tempo, può diventare faticoso e pesante. È relativamente facile servire l’altro per qualche giorno, ma è difficile accudire una persona per mesi o addirittura per anni, anche quando non essa non è più in grado di ringraziare». Per me che sono infermiera presso l’Associazione La Nostra Famiglia c’è sempre il rischio di non riuscire a reggere il peso delle tante fatiche e sofferenze delle persone che incontro. Ma, se vissuto nel discernimento quotidiano, ciò diventa non solo possibile, ma anche una via di crescita e di affidamento. Se ci si pone in atteggiamento di…

per leggere l’articolo completo e accedere ai contenuti aggiuntivi effettua il login o registrati