N.04
Luglio/Agosto 2019

Siate santi come io sono santo

“Quello che vorrei ricordare con questa Esortazione è soprattutto la chiamata alla santità che il Signore fa a ciascuno di noi, quella chiamata che rivolge anche a te: «Siate santi, perché io sono santo» (Lv 11,44; 1 Pt 1,16). Il Concilio Vaticano II lo ha messo in risalto con forza: «Muniti di salutari mezzi di una tale abbondanza e di una tale grandezza, tutti i fedeli di ogni stato e condizione sono chiamati dal Signore, ognuno per la sua via, a una santità la cui perfezione è quella stessa del Padre celeste (LG 11)» (Francesco, Gaudete et exsultate, 10).   L’opera e gli artisti Nella Basilica Cattedrale di Taranto, a destra dell’altare maggiore, è possibile ammirare una delle più significative testimonianze dell’arte meridionale barocca: la Cappella dedicata al patrono della città San Cataldo, un vero trionfo di affreschi, di marmi policromi e sculture in marmo. Nel 1658 l’arcivescovo di Taranto Tommaso…

per leggere l’articolo completo e accedere ai contenuti aggiuntivi effettua il login o registrati