N.05
Settembre/Ottobre 2021

Chi guarda i venti non semina!

Il testo che presentiamo questa volta è di uno degli autori siriaci più noti in occidente, dopo Efrem il Siro. Sto parlando di Isacco di Ninive. Egli fa parte di quella straordinaria stagione mistica della chiesa siro-orientale che comprende il periodo VII-VIII secolo. Isacco, monaco nel monastero di Rabban Shabur, venne consacrato vescovo ma lasciò il ministero dopo pochi mesi per tornare alla vita ascetica. È uno dei più grandi mistici ma solo nella seconda metà del XX secolo è stata riscoperta una grande parte della sua opera. È il cantore della infinita e folle misericordia di Dio, oltre che un grande maestro spirituale, che scrive a partire dalla propria esperienza di Dio, mostrando una via per sperimentare la presenza di Dio anche durante il nostro cammino. È uno dei pochi autori siriaci di cui si hanno in lingua italiana un gran numero di ottime traduzioni disponibili. Sebbene conosciuto soprattutto…

Per accedere al contributo devi registrarti. La registrazione è gratuita.
Registrati ora
o accedi se sei già registrato