N.05
Settembre/Ottobre 2013

Testimoni di una pazienza amorevole e di un amore affidabile

Il 29 giugno 2013, Papa Francesco ci ha fatto dono  della sua prima  en­ciclica Lumen  fidei (stesa a quattro mani con Papa Benedetto), come Le sacre du  printemps in una magnifica  esecuzione  di Igor  Stra­vinskij o della Rhapsody in Blue di George Gershwin. In essa possiamo trovare  alcuni passaggi essenziali per dare fondamento e dinamicità alla  "nuova   evangelizzazione", anche  in rapporto all'annuncio  del Vangelo della Vocazione. «La luce dell'amore,  propria della  fede, può illuminare gli inter­rogativi del nostro  tempo sulla verità (. . .) Se la  verità è la verità dell'Amore,  se è la verità che si schiude  nell'incontro  personale con l'Altro e con gli altri, allora resta liberata dalla chiusura nel singolo e può  fare parte del bene  comune» (LF 34). Questo profondo legame tra ricerca della verità ed esperien­za dell'amore  rimane una delle chiavi di lettura più profonde  e più tipiche  del mistero di ogni chiamata  vocazionale. Si segue Gesù perché, in…

Per accedere al contributo devi registrarti. La registrazione è gratuita.