N.04
Luglio/Agosto 2014

Le costanti dell’accompagnamento spirituale di p. Pino Puglisi

Mario Torcivia, Ordinario di Teologia Spirituale presso lo Studio Teologico S. Paolo di Catania, Paler­mo. Sono stato il collaboratore esterno del Relatore della Congre­gazione delle Cause dei Santi, il domenicano francese p. Ols, nella redazione della Positio super martyrio del Servo di Dio Giuseppe Puglisi. In poche parole, sono stato colui che ha redatto, nel 2006, la suddetta Positio, impostandola sull’odium fidei della ma­fia che ha portato all’omicidio del prete palermitano, beatificato a Palermo il 25 maggio 20131. Proprio per il particolare compito svolto, desidero evidenziare alcune costanti di accompagnamento spirituale presenti in don Giu­seppe Puglisi, così come alcuni testi, ascoltati nella celebrazione del processo per la Causa di canonizzazione, le hanno rilevate: mirare alla formazione umana e spirituale del giovane; sensibilizzare il giovane nel corretto significato di “vocazione”; amore gratuito, disinteressato, ricco di discrezione e di atten­zione, nell’ordinarietà delle azioni quotidiane, nei riguardi di ogni singola persona; farsi carico…

per leggere l’articolo completo e accedere ai contenuti aggiuntivi effettua il login o registrati