N.05
Settembre/Ottobre 2019

Nulla di incompleto

Accompagnare la vocazione al maschile e al femminile

«Tutte le cose sono a due a due, una di fronte all’altra, egli non ha fatto nulla di incompleto»   (Sir 42,24)   La narrazione biblica offre una molteplicità di racconti di vocazione e su questi si fondano – giustamente – le iniziative che propone la pastorale vocazionale accompagnando i giovani e le giovani a incontrare personaggi come Abramo, Mosè, Elia, i profeti, gli apostoli, Paolo: uomini, convocati – in modo esplicito e spesso dettagliato – a partecipare e coinvolgersi nella storia della salvezza; comunque uomini, maschi.   Ma la storia della salvezza raccontata nelle pagine bibliche è costellata anche dalla presenza di donne che vi prendono parte in modo molto, molto concreto; intervengono in situazioni difficili, a volte estreme, cambiando le sorti del popolo e rendendolo capace di compiere la volontà di Dio. Questo non può essere un dato trascurabile. E sfogliando le pagine della Scrittura ci si accorge…

Questo articolo è riservato agli abbonati.
Abbonati ora
o accedi se sei già abbonato