N.06
Novembre/Dicembre 2020

Mariam Baouardy

Preparare il cielo per gli altri

Nel 1845 due sposi, provati dalla vita e segnati dalla perdita dei loro primi 12 figli, intraprendono un pellegrinaggio dalla Galilea a Betlemme: chiedono il dono di una nuova vita e promettono di chiamarla come la Madonna, se fosse stata una bambina. La loro preghiera è accolta: il 5 gennaio 1846 nasce Mariam: Mariam Baouardy. Due anni dopo arriva un fratellino, ma la famiglia non potrà mai crescerli. La piccola Mariam ha solo tre anni e il papà muore. Prima di spirare, quest’uomo giusto che del vero cristiano aveva la «tempra forte» ed era «paziente e dolce, lavoratore e caritatevole» prende la figlia tra le braccia e si rivolge a san Giuseppe: «Santo grande e potente, ecco tua figlia. Maria è sua madre, proteggila tu e sii tu suo padre». Quando poco dopo anche la mamma muore, queste parole acquistano ulteriore pregnanza e rappresentano per Mariam tutto il senso della…

Per accedere al contributo devi registrarti. La registrazione è gratuita.
Registrati ora
o accedi se sei già registrato