N.06
Novembre/Dicembre 2021

Dal riposo fisiologico a quello spirituale 

Perché abbiamo bisogno di riposare nella vita e nella fede 

Qualche mese fa, mi sono imbattuta in un post Instagram della mia amica Sefora Motta (missionaria laica evangelica, di buone origini siciliane) che diceva: “il seme per germogliare ha bisogno di tre cose: silenzio, buio e tempo”. Ed è proprio così: molte volte nella vita e nel cammino spirituale ci sembra di stare fermi, al buio e senza vie di uscita, incolpandoci di essere infruttuosi. E non ci rendiamo conto che siamo ancora dei piccoli semi che devono darsi il giusto tempo e concedersi uno stato di “quiescenza”, per poi germogliare e portare frutto in una determinata situazione.  Il tema del riposo -non solo nella vita di fede, ma anche in quella biologica- per noi uomini e donne del terzo millennio è una questione assai spinosa, che spesso si bypassa in nome di una vitalità apparente che ci porta soltanto a disperdere brandelli di noi stessi in mille parentesi prive…

Questo articolo è riservato agli abbonati.
Abbonati ora
o accedi se sei già abbonato