N.04
Luglio/Agosto 2022

Dio non fa preferenza di persone

Autorità e obbedienza evangeliche

  Con i sacrifici s’immola la carne altrui, con l’obbedienza si sacrifica la volontà propria San Gregorio     È difficile separare l’esercizio dell’autorità dall’esercizio dell’obbedienza, se non addirittura impossibile. Autorità e obbedienza sono due facce dello stesso servizio, due espressioni della stessa chiamata. Lo ha ben capito Pietro, nella sua esperienza con Cornelio; lui, che è stato scelto per pascere il gregge del Signore, ha imparato quanta sapienza e discernimento c’è nel gregge e nelle “pecore sparse” che ancora non appartengono all’ovile e che forse non vi apparterranno mai.  Pietro che ha sperimentato l’autenticità dello slancio e del desiderio di consegnare la sua vita al Signore e si ritrova a volerla proteggere dalle chiacchiere di portinai davanti al fuoco. Pietro che con coraggio ha detto al Signore: non ti accadrà mai, sicuro che ci sarebbe stata una via alternativa alla croce, si ritrova per tre volte interrogato dal Signore…

Questo articolo è riservato agli abbonati.
Abbonati ora
o accedi se sei già abbonato