N.05
Settembre /Ottobre 2009

Mi ha voluta corpo e anima… adesso danzo per lui!

Camminare verso la libertà

Vorrei cominciare con una frase di San Paolo che si trova nella Prima Lettera ai Corinzi (v. 19): «Dovete sapere che voi stessi siete il tempio dello Spirito Santo. Dio ve lo ha dato, ed egli è in voi. Voi quindi non appartenete più a voi stessi». No, non ne ero consapevole quando all’età di 20 anni strumen­talizzai il mio corpo per attirare su di me l’attenzione di molti. Fino a quel momento vivevo un forte disagio famigliare e la mia affettività era segnata dalla solitudine di carezze e di educazione al senso della vita e di come viverla. Avevo un forte bisogno di sentirmi amata! In preda a questo vuoto interiore incominciai ad utilizzare il mio corpo come mezzo di seduzione e di piacere. La mia bellezza fisica, il mio sapermi muovere a ritmo di musica erano armi a doppio taglio: potevo accaparrare qualche sguardo e avere l’attrattiva di…

Per accedere al contributo devi registrarti. La registrazione è gratuita.
Registrati ora
o accedi se sei già registrato