N.04
Luglio/Agosto 2012
Studi /

La natura umana è sostanzialmente amore: formazione e maturazione affettiva.

Le parole formazione e maturazione richiamano un divenire, un processo, un cammino di cambiamento e un tempo di maturazione appunto perché chi lo percorre ne faccia esperienza. «Quando ero bambino, parlavo da bambino, pensavo da bambino, ragionavo da bambino. Divenuto uomo ho eliminato ciò che è da bambino» (1Cor 13,11), dice San Paolo al termine dell’inno alla carità descrivendo in qualche modo chi è l’uomo adulto, maturo appunto: una persona veramente umana, empatica, caritatevole, rispettosa, capace di desiderare e volere il bene. «Siate benevoli gli uni verso gli altri, misericordiosi, perdonandovi a vicenda come Dio ha perdonato a voi in Cristo» (Ef 4,32). La persona affettivamente matura è infatti libera e vuole bene, dove volere bene significa volere il bene personale e volere il bene dell’altro. Tanto naturale quanto complesso insieme.   Perché è naturale? Perché è scritto nel cuore di ogni persona umana il desiderio di essere veramente tale,…

Per accedere al contributo devi registrarti. La registrazione è gratuita.
Registrati ora
o accedi se sei già registrato