N.01
Gennaio/Febbraio 2019

Dalle radici smarrite ai germogli inediti

Vocazioni in Europa

Lo scorso marzo, a Tirana, si è celebrato l’annuale congresso europeo vocazionale che ha voluto ricordare i 20 anni del documento In Verbo tuo.  Il testo ha fatto da punto di riferimento per la pastorale vocazionale in questi ultimi anni e parla fin dal titolo, Nuove vocazioni in una nuova Europa, di una situazione di novità verso la quale stava andando il vecchio continente. Ci fu chi disse che non ci voleva granché per fare questo tipo di profezia e, invece, è proprio il caso di domandarci oggi se abbiamo colto i vari punti di vista di tale nuova realtà e, soprattutto, se abbiamo avuto il coraggio di viverla in pratica.  È quello che ha voluto verificare l’incontro di Tirana, in una terra in cui la memoria ancora fresca dei martiri è già profezia di vita nuova.  Di tale verifica vorrei qui sottolineare in modo sintetico due aspetti, in relazione alla situazione della fede in Europa e all'andamento vocazionale.  1. Geografia europea della fede  Non c’è solo l’Europa di Schengen…

Questo articolo è riservato agli abbonati.
Abbonati ora
o accedi se sei già abbonato