N.04
Luglio/Agosto 2019

Quando l’uomo si misura con i propri limiti

"First Man" di Damien Chazelle è il racconto di uomo che conquista la Luna e ritrova la serenità familiare

Piccoli, grandi, uomini. Lungo questo filo rosso corre il film "First Man" (2018) che propone la parabola di un gruppo di astronauti, Neil Armstrong, Buzz Aldrin e Michael Collins, a bordo della navicella Apollo 11, inviati alla fine degli anni '60 alla conquista della Luna – allunaggio avvenuto il 20 luglio 1969, esattamente 50 anni fa. L’opera rivela anche il percorso di riscatto di una famiglia graffiata dalla morte, che riesce a ritrovare un passo unitario e fiducioso.  First Man è stato il film di apertura della 75a Mostra del Cinema della Biennale di Venezia, firmato dal giovane regista statunitense Damien Chazelle (classe 1985), divenuto un autore di culto a Hollywood con una manciata di titoli all'attivo: Whiplash nel 2014, storia di formazione con un rapporto maestro-allievo segnato da grande severità, e La La Land nel 2016, ritratto di due giovani cercatori di sogni che si smarriscono nelle illusioni professionali, il tutto con…

per leggere l’articolo completo e accedere ai contenuti aggiuntivi effettua il login o registrati