N.06
Novembre/Dicembre 2019

Vocazione: essere felice e amare

Esperienza dell'amore, realizzazione di sé, santità

La vocazione e l’esperienza dell’amore    Il senso della vita è colto pienamente nel rapporto con Dio; è nel rendersi conto di essere amato da Dio che uno capisce anche chi è veramente. Per far conoscere il Suo amore e permettere all’uomo di trovarsi, Dio gli è venuto incontro per salvarlo in Gesù Cristo, ma già nella Creazione aveva fatto in modo che, attraverso l’esperienza dell’amore umano, in primis nel rapporto con i genitori, fosse possibile intuire l’amore di Dio. È l’amore umano ciò che più chiaramente testimonia l’amore divino. Ed è l’amore di Dio che salva l’amore umano.    Possiamo dire, inoltre, che quando uno fa esperienza di essere amato si rende anche conto di voler amare. Se siamo fatti ad immagine e somiglianza di un Dio che è in Sé amore, allora sappiamo che nella stessa natura umana è inserita la capacità, e ancor più il bisogno, di essere amati, ma anche di amare. Ricordiamo quanto diceva Giovanni Paolo II nella sua prima enciclica: «L'uomo…

Questo articolo è riservato agli abbonati.
Abbonati ora
o accedi se sei già abbonato