N.05
Settembre/Ottobre 2020

Attilio Giordani

Vivere è “dare Gesù”

Il 21 giugno 1972 parte da Genova la “Giulio Cesare”: diretta in Brasile, trasporta 200 casse per l’“Operazione Mato Grosso”, un’iniziativa missionaria finalizzata all’aiuto ad alcuni dei poveri tra i più poveri. Con quelle grandi casse piene di materiali, su una nave scelta perché più economica di altre, viaggia anche Attilio Giordani, che a 59 anni sceglie di separarsi dalla sua Milano e si mette a disposizione della gente di Poxoreo: Brasile, Stato del Mato Grosso, dove la gente si rompe la schiena a setacciare le sabbie dei fiumi alla ricerca dei diamanti – i garimpo che sono valutati più delle delle vite umane, non generano un reale benessere, ma attivano piuttosto dinamiche di sfruttamento e sopruso –. Le popolazioni locali vengono intanto compresse e disprezzate dai fazendeiros, in un contesto privo di veri valori, dove la violenza si intreccia alla disperazione e la stessa sopravvivenza fisica è spesso a…

per leggere l’articolo completo e accedere ai contenuti aggiuntivi effettua il login o registrati