N.04
Luglio/Agosto 2021

La proposta di Rondine sulla leadership per il terzo millennio

Rondine non intende costruire un modello di leader o un paradigma di leadership, ma formare i futuri leader a due capacità relazionali fondamentali: disinnescare l’odio e promuovere una fioritura relazionale. Rondine scommette sulla possibilità di trasformare creativamente i conflitti e di decostruire la figura del nemico, attraverso la relazione personale. Il “metodo Rondine” per la trasformazione creativa del conflitto mette al centro il vissuto relazionale e la centralità che ha per esso una concezione creativa del conflitto. Per fare ciò, in una buona reciprocità tra dialogo e fiducia, non ha paura di affrontare il dolore e disinnesca l’idea del nemico, ridotta a fantasma culturale e ideologico.   Rondine fa proprio un modello di leadership che sappia coniugare l'eccellenza delle competenze con la qualità delle relazioni umane, mettendo al centro lo stile del servizio, sia sul piano della prossimità, sia sul piano socio-politico. Tale stile di leadership si traduce nella capacità…

Questo articolo è riservato agli abbonati.
Abbonati ora
o accedi se sei già abbonato