N.04
Luglio/Agosto 2021

Le parole chiave dei Leader di pace

Con l’espressione “leader di pace” abbiamo da subito inteso una persona che, seguendo la stella polare dell’umanizzazione, sappia gestire i processi socio-economico-politico-culturali contemporanei (tutte le variabili sono connesse o connettibili), caratterizzati da tre coordinate: accelerazione (che è da esplorare soprattutto nella coppia processi democratici/velocità della decisione), complessità (per gestire la coppia differenze/giustizia) e inedite conflittualità (per evitare la poliedrica insorgenza del nemico o decostruirne le molteplici esistenze fantasmatiche). Questo leader possiede forza aggregativa sia come politico (persone raccolte nella realizzazione di società attraverso il consenso), sia come imprenditore (risorse organizzate in azienda/e e risorse finanziarie da destinare ai processi di valore aggiunto che sviluppano pace), sia come educatore-formatore (persone organizzate in processi educativo-formativi pubblici e privati, nei sistemi nazionali d’istruzione e oltre). A “pace” abbiamo voluto aggiungere la parola “globale” per conferire a chi si dedica al governo il dinamismo e l’adeguatezza necessari alla nuova era. Una positiva azione di…

Questo articolo è riservato agli abbonati.
Abbonati ora
o accedi se sei già abbonato