N.04
Luglio/Agosto 2021

Pornografia

La comunicazione è sempre più il vasto orizzonte del presente, la sua dimensione totalizzante, il livello più diffuso d’esistenza immediata, e sempre meno un contesto circoscritto, un’azione specifica, una fase o un momento dell’agire sociale.     L’infrazione alla regola  Contrariamente a quanto si tende a ritenere di solito, nel tempo della comunicazione - il nostro tempo - i divieti e i tabù non sono affatto diminuiti ma si sono moltiplicati, coerentemente con l’incessante, esorbitante crescita di codici e regole implicite soggiacenti a tutti i processi d’interazione. L’infrazione della regola non è più il cimento simbolico di pochi che cercano la distinzione dalla massa, ma la routine di una maggioranza anagraficamente e culturalmente trasversale. Uno dei più eclatanti segnali di questo stato di cose è forse l’esplosione e la normalizzazione della pornografia come risposta non già al vecchio tabù sessuale quanto piuttosto come antinomia della relazionalità, dell’intimità, della vita sponsale. La…

Per accedere al contributo devi registrarti. La registrazione è gratuita.
Registrati ora
o accedi se sei già registrato