Silvio Grasselli
Vicepresidente nazionale del CSC – Centro Studi Cinematografici

Silvio Grasselli (Roma, 1979) è dottore di ricerca in cinema. È stato professore a contratto presso l’Università di Teramo, ha collaborato alla didattica presso il Dams e il Dipartimento di Architettura dell’Università di Roma Tre, ed è stato docente del Master di Alta Formazione sull’Immagine Contemporanea presso la Fondazione Fotografia (Modena).

Selezionatore e curatore per il Festival dei Popoli (Firenze) dal 2012 al 2019, ha collaborato con la Fondazione Ente dello Spettacolo e con TV2000, ed è stato redattore di Radiocinema.

Da più di vent’anni lavora nell’ambito della didattica del cinema e dell’audiovisivo per la scuola, nel 2020 è stato selezionato tra i formatori del Piano nazionale di educazione alle immagini promosso dal Mic e dal Miur. 

È selezionatore e curatore per la Fondazione Musil – Museo dell’Industria e del Lavoro (Brescia).
Vicepresidente nazionale del CSC – Centro Studi Cinematografici e redattore delle riviste Film e Il Ragazzo Selvaggio, ha pubblicato su Bianco e Nero, Cinemasessanta, Filmcritica e altre, collabora regolarmente ad Alias-Il Manifesto e alle pagine culturali di Avvenire, cura la rubrica Zona Doc dedicata al giovane cinema documentario italiano su Fabrique du Cinéma.

Ha pubblicato saggi in volumi collettanei per Marsilio, Lindau, Kaplan e altri. I suoi testi critici sono stati tradotti e pubblicati in inglese, olandese, spagnolo, portoghese, giapponese.

Articoli di Silvio Grasselli

Una ecologia della visione 

di Silvio Grasselli
  Un inquinamento visivo  Se ha senso ragionare, come stiamo facendo su queste pagine, di un’ecologia della comunicazione, può esser ancora più utile proporre, all’interno della stessa cornice, un’ecologia della visione. La comunicazione, lo abbiamo scritto più volte, usa e abusa delle immagini al punto da trasformare radicalmente il paesaggio…