N.05
Settembre/Ottobre 2020

Sotto la tutela del tuo nome

Dall'omelia sull'Annunciazione di Germano di Costantinopoli

Germano (+733) divenne patriarca di Costantinopoli nel 715, sotto l’imperatore Anatolio II. Dovette fronteggiare la questione del monotelismo (un’eresia che riconoscendo in Cristo soltanto una volontà - quella divina - in pratica rimetteva di nuovo in discussione la piena umanità di Cristo) e si trovò dentro la tempesta dell’iconoclasmo, prendendo posizione decisa a favore delle immagini. Durante la persecuzione scatenata dall’imperatore Leone III Isaurico, Germano dovette dimettersi nel 730 e si rifugiò presso una proprietà di famiglia, dove morì intorno al 733, secondo la tradizione ultranovantenne. Condannato da morto in un sinodo iconoclasta nel 754 venne definitivamente riabilitato nel settimo concilio ecumenico di Nicea II, nel 787.  Grande cantore di Maria, il testo che presentiamo ha degli echi che ricordano - e a volte sembrano proprio le sue - le parole di San Bernardo di Chiaravalle o di Dante stesso. Un’anima innamorata di Maria, certamente si accorderà con grande facilità alle parole di…

per leggere l’articolo completo e accedere ai contenuti aggiuntivi effettua il login o registrati